Progetto Salento

Imprenditori, Istituzioni, Cittadinanza attiva, Protagonisti del Salento che cambia

Monday
Mar 25th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Enti Locali

Enti Locali

POLITICA & CULTURA

POLITICA & CULTURA

Taviano,  il Palazzo Marchesale 

da struttura-difesa

residenza nobiliare 

fino a diventare, oggi,

eccellente cantiere culturale

 a cura di

Claudio Molfetta & Giuliano Ciriolo

(Tratto da "Progetto Salento" - Febbraio 2010)

 

LA STORIA ANTICA  

Taviano nel 1507 era feudo dei Foggetta e nella prima metà del Seicento fu acquistato dal marchese Giacomo De Franchis.

Rimase proprietà di questo casato sino al 1723.

Non si conosce la data della costruzione del Palazzo, ma di sicuro era esistente al momento in cui il marchese De Franchis si stabilì a Taviano. Sul portale vi è lo stemma di famiglia ancora ben visibile. Si può presumere che il palazzo risalga al 1600, anche se le notizie storiche documentate risalgono ai primi anni del 1700. I vari nobili che si sono succeduti su questo casale hanno portato a definire il palazzo come "Palazzo De Franchis", dal nome dell'ultimo feudatario . Il primo piano era la residenza del nobile; a piano terra c'erano le stalle e altre attività, diciamo così, meno nobili. I piani ammezzati ospitavano contenitori alimentari, come i granai.

Il palazzo marchesale sorge nella parte più antica di Taviano e prospetta sull'attuale piazza del Popolo e su via Nizza. Ai sensi della legge n. 1089 del 1939, è stato dichiarato bene di particolare interesse storico e, come tale, soggetto a tutte le disposizioni di tutela contenute nella stessa legge.

 

 

LA STORIA RECENTE

(1993 – 2008)

Il palazzo marchesale è stato sempre visto dai tavianesi come il fiore all'occhiello del loro centro storico. Negli anni '60 l'edificio è stato anche la sede della scuola elementare. Ma la proprietà privata dello stesso ne impediva il recupero e la sua rinascita. E' così che nel lontano 1993, sotto l'amministrazione di Lorenzo Ria, si incominciò a discutere in paese e nei piani alti della politica cittadina dell'idea di acquistare il palazzo da parte del comune, per metterlo a disposizione della città.

 

Il 21 dicenbre del 1993 il Consiglio comunale approvò il Piano triennale delle Opere Pubbliche 1994-1996 che prevedeva, fra le altre cose, l'acquisizione e il restauro del palazzo marchesale, da destinare successivamente a centro socio-culturale.
Con delibera n. 55 del 31 gennaio 1996, l'amministrazione acquisiva un Progetto preliminare redatto dall'arch. Massimo Evangelista finalizzato allo stesso scopo.
Nel settembre 1999 il Castello marchesale veniva acquisito dal Comune di Taviano, mentre nell'aprile del 2001 veniva approvato il Progetto Generale definitivo per il relativo restauro e recupero funzionale.
Da allora, tutte le Amministrazioni comunali di questa città (sindaci Francesco Longo (1997-2001), Giuseppe Tanisi (2001-2006) e Salvatore D'Argento) si sono interessate al recupero del Palazzo, e a tale scopo sono stati intercettati e richiesti finanziamenti specifici.

 

Con l'amministrazione Longo arrivò il primo miliardo di lire, e con quella Tanisi un milione di euro. D'Argento ha dato il via ai lavori ed ha inserito il completo recupero del Palazzo marchesale sia nel piano triennale delle opere pubbliche 2006-2008, sia in quello 2008-2010.

Finora, dunque, il Castello marchesale "De Franchis" è stato interessato da due distinti lotti di restauro e recupero funzionale.
Il primo (finanziato dalla legge 222/1985) ha consentito la realizzazione di opere di consolidamento statico ed altri lavori edili di carattere generale che hanno consentito di arrestare il degrado strutturale dell'edificio. Con lo stesso intervento sono stati demoliti tutti gli intonaci, interni ed esterni, ad eccezione di quelli relativi alle facciate esterne poste su piazza del Popolo e su via Nizza; inoltre sono state realizzate le pavimentazioni di tutte le terrazze di copertura.
Con il secondo progetto, dell'importo complessivo di 1.000.000,00 di euro (finanziato con fondi POR Puglia 2000-2006), è stato possibile rendere completamente fruibile il piano terra dell'immobile ed utilizzabile per attività culturali (sale polifunzionali per congressi, conferenze e dibattiti) e per la sistemazione di idonei ambienti per mostre ed esposizioni.

 


Con la cerimonia del 19 giugno 2008, alla presenza di un gran numero di cittadini e di autorità civili, militari e religiose, il Palazzo De Franchis è stato ufficialmente e concretamente destinato alla fruizione pubblica. L'edificio ospiterà la Pinacoteca comunale, grazie alla preziosa donazione di numerosi dipinti pervenuti dalla collezione privata di un illustre cittadino di Taviano: Antonio Piccinno.
Sarà inoltre sede della "Biennale del Mediterraneo – Taviano città dei fiori", manifestazione che mira alla promozione e valorizzazione del patrimonio artistico salentino.
In data 23 giugno 2009 l'attuale amministrazione ha ottenuto un ulteriore finanziamento di 400.000 euro (Fondi POR 2000-2006) per il rifacimento delle facciate; ha altresì avanzato richiesta di finanziamento alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, per il completamento della ristrutturazione del primo piano.
Il completo recupero e la successiva valorizzazione del Palazzo Marchesale De Franchis è stato inserito nel Piano strategico di sviluppo della città denominato "Taviano 2000", per il quale si attende il finanziamento nell'ambito di Area Vasta.
Taviano è da sempre città attiva nel settore culturale (stagioni teatrali, associazioni culturali, pittori, scultori, scrittori e quant'altro).
Il Palazzo De Franchis, aperto al pubblico, contribuirà sicuramente a dare nuovo slancio sociale, culturale e turistico alla città, e a rendere i tavianesi più consapevoli e fieri della loro storia.

 

 

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 23 Marzo 2017 15:10 )

 

POLITICA & TERRITORIO

POLITICA & TERRITORIO

Da un pò di tempo un gruppo nutrito di fellinesi, tra cui il Dr. SALVATORE D'AMBROSIO, dibatte su Facebook sui temi relativi al Centro Storico di FELLINE e all'esigenza d...

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 23 Marzo 2017 15:08 )

SAC / INTERVISTA A LUISELLA GUERRIERI.

SAC / INTERVISTA A LUISELLA GUERRIERI.

 

  IL CASTELLO DI FELLINE

CONTENITORE DI

"PROGETTI CULTURALI"?


Articolo e Intervista

a cura di

Giuliano Ciriolo     

 

SAC , una sigla che tradotta vuol dire “S...

Ultimo aggiornamento ( Domenica 19 Marzo 2017 13:30 )

POLITICA & SCUOLA

POLITICA & SCUOLA

MENSA SCOLASTICA

Melissano 

  contro 

  Alliste e Felline

MA LA DELIBERA AVRA' EFFETTO

DAL PROSSIMO ANNO SCOLASTICO !

 

Le polemiche sull'aumento delle tariffe...

Ultimo aggiornamento ( Venerdì 10 Marzo 2017 22:15 )

CITTADINI & POTERE

CITTADINI & POTERE

FELLINE/

CERCASI "MARTELLO"

PER PIAZZA MILANO

 

di GIULIANO CIRIOLO

Nel mese di giugno dello scorso anno “Progetto Salento” , nell’ambito di una più generale “QUESTIONE FELLINE”,...

Ultimo aggiornamento ( Martedì 21 Febbraio 2017 14:52 )

Pagina 3 di 14
Banner
Banner

 

AMMINISTRATORI & CITTADINI

RICEVIAMO & PUBBLICHIAMO, ANTICIPANDONE I CONTENUTI, IL MANIFESTO FIRMA...

 

VOLONTARIATO & SOCIETA'

1982 - 2017 35 anni di attività 7000 sacche di sangue raccolte !   di Giuliano CIRIO...

 

VOLONTARIATO & SOCIETA'

35 anni a favore di chi soffre (1982 – 2017)   Articolo / Comunicato a cura de...

 

ALLISTE / BILANCIO COMUNALE

Deliberazione n. 67/PRSP/2017  REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE R...

 

EMERGENZE SOCIALI

REDDITO di DIGNITA’ da Alliste e Felline arriva il buon esempio   di Giuliano Cirio...