Progetto Salento

Imprenditori, Istituzioni, Cittadinanza attiva, Protagonisti del Salento che cambia

Monday
Dec 11th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Legislazione e Impresa Consulenza del lavoro PATATA NOVELLA DI GALATINA D.O.P.

PATATA NOVELLA DI GALATINA D.O.P.

E-mail Stampa PDF

Finalmente la D.O.P. per cercare di risollevare le sorti di un comparto in serie difficoltà 

Giovedi 28 aprile ad Alliste il Convegno

Una straordinaria opportunità di sviluppo per il nostro territorio

 

  

A pochi mesi dal riconoscimento da parte dell'Unione Europea della “Patata Novella di Galatina D.o.p.” (Gazzetta Ufficiale del 23-09-2015), l’Associazione Produttori Patate Novelle di Galatina ne celebra l’importanza attraverso l’organizzazione di un Convegno.

La produzione di patate novelle raggiunge mediamente i 400mila quintali di tuberi l’anno, per un valore che si aggira attorno ai 20 milioni di euro. L'80 per cento dei tuberi raccolti nell'area di produzione, che si concentra sulla dorsale ionica (Acquarica del Capo, Alliste, Casarano, Castrignano del Capo, Galatina, Galatone, Gallipoli, Matino, Melissano, Morciano di Leuca, Nardo’, Parabita, Patu’, Presicce, Racale, Salve, Sannicola, Taviano, Ugento), è destinato al mercato tedesco.

Un risultato importante che conferma la Patata Novella di Galatina “regina” assoluta dell'export ortofrutticolo della Provincia di Lecce, di cui rappresenta circa il 90 per cento di tutte le esportazioni.

Di tutto questo e delle straordinarie opportunità di sviluppo offerte dalla DOP, si parlerà nel Convegno promosso dall’Associazione Produttori Patate Novelle di Galatina, in programma Giovedì 28 aprile ad Alliste, presso la Sala Convegni della Scuola Media, alle ore 18.00, nel corso del quale interverranno il Prof. Pietro Santamaria della Facoltà di Agraria di Bari, il Dr. Davide Luchesa del Consorzio Melinda, il Prof. Amedeo Maizza dell’Università del Salento, il Prof. Gianluca Nardone, Direttore Dipartimento Agricoltura della Regione Puglia, l’Ing. Pantaleo Piccinno, della Coldiretti Lecce, il Dr. Paolo De Castro, della Commissione Agricoltura dell’Unione Europea.

Cifre di tutto rispetto accompagnano la produzione del pregiato tubero: accanto a circa 2000 produttori operano infatti almeno una trentina di strutture che si dedicano alla lavorazione e commercializzazione del prodotto appena raccolto (immagazzinamento, selezione, insacchettamento, spedizione sui mercati di consumo), organizzate per lo più in forma cooperativistica e localizzate in prevalenza nei comuni di Alliste, Racale, Matino, Taviano, Casarano e Parabita.

L'ottenimento della D.O.P., fortemente voluto dall'Associazione dei Produttori Patata Novella di Galatina, presieduta da Salvatore Manfreda, si spera che contribuisca a risollevare le sorti di un comparto che, a fronte di una produzione di eccellente qualità riconosciuta su tutti i principali mercati di consumo europei, soffre ciclicamente delle inevitabili crisi di mercato.

Ma che cosa si intende per Patata Novella e cosa rende unica la Patata Novella di Galatina? Per “patate novelle o primaticce” si intendono quei “tuberi di patata di varietà adatte al consumo umano, raccolte prima della completa maturazione, commercializzate subito dopo la raccolta e la cui buccia non è ancora completamente formata e comunque può venire facilmente tolta con le dita. Secondo il metodo di valutazione internazionale riconosciuto e proposto dall'Associazione europea di ricerca sulla patata (Earp), la Patata Novella di Galatina appartiene al Tipo A, che comprende “patate sode, da insalata, provenienti da cultivar precoci, a basso tenore di amido e i cui tuberi non scuociono, rimangono sodi, non sono farinosi, hanno una grana estremamente fine, non si sbriciolano al taglio, ma, come si dice in gergo, tengono la fetta”. “Secondo unanime consenso – afferma il Dr. Aldo Reho, dell’Associazione Produttori – la regina di questo gruppo A è proprio la Patata Novella di Galatina, tutt'ora insuperata e preferita in assoluto dai consumatori tedeschi, che la amano per una serie di caratteristiche: il colore giallo intenso brillante, i residui terrosi che la avvolgono da cui il nomignolo “patata cioccolato”, la sua marcata precocità”.

Secondo il Comitato organizzatore, rappresentato dai produttori Luca Manco, Federico Manni, Enzo Filograna, Nino De Donatis, Marcello Parigi, Ettore Labbate, Renato Adamo,  Luigi Coronese, “la Denominazione di Origine Protetta presenta alcuni attributi di qualità unici che sono espressione delle specificità di un particolare contesto territoriale in cui il processo produttivo si realizza. Essa soltanto consente quindi di ottenere la tutela e la difesa della patata originaria di queste zone, per proteggerla da fenomeni e/o comportamenti scorretti, garantendo non soltanto che le patate spedite con il marchio patata novella di Galatina siano effettivamente tali, ma anche che siano state effettivamente prodotte nell’area specifica di produzione. E’ inoltre acclarato che la DOP costituisce un elemento di preferenza del consumatore, in quanto richiamo ad una cultura e ad una tradizione specifica; il fatto che l’alimento che egli mangia sia stato seguito in tutto il percorso, dal campo alla sua tavola, costituisce inoltre una ulteriore forma di garanzia e sicurezza".

Condividi questo articolo:

Ultimo aggiornamento ( Sabato 30 Aprile 2016 18:19 )  
Banner
Banner

 

AMMINISTRATORI & CITTADINI

RICEVIAMO & PUBBLICHIAMO, ANTICIPANDONE I CONTENUTI, IL MANIFESTO FIRMA...

 

VOLONTARIATO & SOCIETA'

1982 - 2017 35 anni di attività 7000 sacche di sangue raccolte !   di Giuliano CIRIO...

 

VOLONTARIATO & SOCIETA'

35 anni a favore di chi soffre (1982 – 2017)   Articolo / Comunicato a cura de...

 

ALLISTE / BILANCIO COMUNALE

Deliberazione n. 67/PRSP/2017  REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE R...

 

EMERGENZE SOCIALI

REDDITO di DIGNITA’ da Alliste e Felline arriva il buon esempio   di Giuliano Cirio...