Progetto Salento

Imprenditori, Istituzioni, Cittadinanza attiva, Protagonisti del Salento che cambia

Sunday
Jun 16th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Medicina e Società Salute e Benessere Farmacisti alle prese con il riordino della categoria

Farmacisti alle prese con il riordino della categoria

E-mail Stampa PDF
Ne parlo con il dott. Alfio Guarrera Farmacista nonchè giovane imprenditore dell'industria farmaceutica, ha da poco infatti impiantato a Novoli, la "AG FARMACEUTICI" azienda che produce alcuni tipi di farmaci.

 

Dott. Guarrera è veramente difficile per i farmacisti freschi di laurea e senza tradizioni familiari alle spalle diventare titolari di farmacia?
Indubbiamente, sino al decreto Monti, le uniche strade per diventare titolere di farmacia erano quelle di: ereditarla, vincerla al concorso oppure acquistarla. Tralasciando la prima categoria di cui non si si può dire nulla se non "Beati loro!", i concorsi dovevano essere indetti in base alla pianta organica, che prevedeva una farmacia ogni 5000 abitanti nei centri urbani fino a 12.500 residenti ed ogni 4000 abitanti nei centri al di sopra dei 12.500 residenti. La revisione della pianta organica avveniva ogni due anni. L'istituzione di una nuova sede farmaceutica, in pratica, era possibile quando il numero degli abitanti superava di molto i limiti stabiliti: ragion per cui i concorsi venivano banditi dopo molti anni e non dopo i due previsti. La strada più veloce ed immediatamente realizzabile quindi restava quella dell'acquisto a prezzi di mercato proibitivi.

Come cambiano adesso le cose con il nuovo decreto Monti?
Oggi la situazione non è cambiata di molto dal momento che è stato solo abbassato il quorum degli abitanti per farmacia, portandolo dai 5000 ai 3000. Per aprire una farmacia bisogna prima di tutto superare il concorso ed ottenere l'autorizzazione.

Il decreto Monti a tal proposito istituisce il concetto di "gestione associata", un gruppo di giovani farmacisti si riunisce per ottenere i famosi requisiti. Ci spiega un po il tutto?
Il decreto Monti prevede che i giovani farmacisti possono partecipare al concorso e unire il loro punteggio, sia per i titoli sia per la prova a quiz, per poter vincere la gestione di una farmacia di nuova istituzione. È giusto chiarire che i soci non diventano proprietari della farmacia: infatti se solo uno di loro dovesse uscirsene decadrebbe la gestione per tutti gli altri soci.

Si dice da sempre che noi italiani facciamo un abuso di farmaci e cosa peggiore che i nostri cassetti siano colmi di farmaci talvolta scaduti. Cosa è giusto tenere in un cassetto di pronto soccorso efficiente ma senza con questo pensare di sostituirsi al medico?
Una cassetta di pronto soccorso deve contenere solo il necessario per le più comuni patologie e per le piccole medicazioni: un disinfettante, delle garze, dei cerotti, una pomata cicatrizzante, un tampone emostatico per piccoli traumi e ferite. E ancora un analgesico e antipiretico come la "Tachipirina" che va bene anche per dolori e febbre, un antidiarroico sintomatico, un antiemetico per il vomito e una crema per contusioni per le quali sarebbe sempre opportuno avere nel congelatore delle buste di ghiaccio; chi soffre di particolari patologie avrà cura di avere farmaci adatti al suo caso.

In aggiunta a quanto detto quali sono le cose che ogni farmacista ribadisce ai propri clienti?
Evitiamo gli sprechi, usiamo tutti i farmaci, anche quelli naturali e gli integratori, con cautela, il meno possibile e sotto controllo medico. L'importanza di un presidio medico come la farmacia, che si riesce a trovare anche nei luoghi più remoti, è riconosciuta da tutti e lo dimostra il fatto che sono tanti coloro che vogliono avere una parola di conforto, una rassicurazione, o farsi semplicemente una chiacchierata. Dico bene?
Condivido appieno quello che dici! Riallacciandomi a quanto detto nella risposta precedente: prima di assumere un qualsivoglia farmaco, per ogni dubbio, rivolgetevi in farmacia, li siatene certi troverete un professionista disponibile in qualsiasi momento a dare chiarimenti inerenti alla sanità, ma anche pronto a dispensare una parola di conforto e di consiglio.

La fidelizzazione è un traguardo che si prefigge un buon ufficio marketing, come ci riesce un farmacista?
I mezzi per fidelizzare un cliente sono ben noti e utilizzati sapientemente dalle attività commerciali soprattutto dalla grande distribuzione. Come farmacista io preferirei che il cliente si riuscisse a fidelizzarlo per la professionalità, la disponibilità, la pazienza e la competenza di tutti noi che operamo in farmacia.

Quali farmaci produce la "AG FARMACEUTICI"?
La "AG farmaceutici è una ditta appena nata che inizia la sua vita con un integratore di vitamine del complesso "B" sotto forma di sciroppo; una lavanda vaginale per uso interno a base di fermenti lattici.

Per concludere dott. Guarrera qualche specificità aggiuntiva per i farmaci della "AG farmaceutici" e dove li troviamo?
Sia lo sciroppo che la lavanda sono utili come disinfettanti, per rinforzare le difese immunitarie e soprattutto dopo una terapia antibiotica. Entrambi i prodotti sono presenti in farmacia. Un sentito ringraziamento al dottor Alfio Guarrera per averci dedicato il suo tempo e cordiali auguri per la sua giovane attività.

a cura di Gianfranco Delle Rose
tratto da Progetto Salento n.23

 

Condividi questo articolo:

 
Banner
Banner

 

AMMINISTRATORI & CITTADINI

RICEVIAMO & PUBBLICHIAMO, ANTICIPANDONE I CONTENUTI, IL MANIFESTO FIRMA...

 

VOLONTARIATO & SOCIETA'

1982 - 2017 35 anni di attività 7000 sacche di sangue raccolte !   di Giuliano CIRIO...

 

VOLONTARIATO & SOCIETA'

35 anni a favore di chi soffre (1982 – 2017)   Articolo / Comunicato a cura de...

 

ALLISTE / BILANCIO COMUNALE

Deliberazione n. 67/PRSP/2017  REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE R...

 

EMERGENZE SOCIALI

REDDITO di DIGNITA’ da Alliste e Felline arriva il buon esempio   di Giuliano Cirio...