Progetto Salento

Imprenditori, Istituzioni, Cittadinanza attiva, Protagonisti del Salento che cambia

Thursday
Jan 17th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Medicina e Società Società VOLONTARIATO & SOCIETA'

VOLONTARIATO & SOCIETA'

E-mail Stampa PDF

PROTEZIONE CIVILE ALLISTE-FELLINE

Una risorsa per Cittadini e Territorio 

                                                                                                                                   

Il Presidente e fondatore TONINO RENNA in questa lunga intervista parla della sua "creatura", di come è nata e cresciuta, delle sue potenzialità e criticità, rivolgendosi direttamente ai Cittadini per invitarli ad avvicinarsi a questa Associazione per meglio affrontare emergenze e disagi e crescere insieme.    

                                                                 intervista a cura di GIULIANO CIRIOLO  

 

Ad Alliste la Protezione Civile è stata istituita nel 2006 con la denominazione PROCIV ARCI Alliste/Felline. Ha sede nel capoluogo alla via Roma nr. 11.

Nel 2016, dopo la traumatica fine della seconda amministrazione di Anna Campagna, si svolse la ‘famosa’ campagna elettorale delle “quattro liste”, con 4 candidati, cioè, per la guida della nuova Amministrazione. Come si sa, le elezioni furono vinte dalla lista “Progetto Città”.

Una delle prime iniziative del nuovo sindaco Renna, fu proprio quella di tentare la costituzione in loco di una associazione di Protezione Civile che mancava.

Per fare questo contattò il sig. TONINO RENNA e ne chiese la disponibilità.

Quest’ultimo, già allora sottufficiale della Marina Militare in congedo, abbracciò immediatamente l’idea, portandola avanti negli anni con pazienza e caparbietà.

Per comprendere meglio l’organizzazione e le funzioni di questa importante struttura comunale, ci siamo rivolti proprio al suo presidente e fondatore, Antonio Renna, meglio conosciuto in paese come TONINO, la cui competenza  è stata particolarmente apprezzata dalla popolazione all’inizio di quest’anno, nei giorni in cui una bufera di neve coprì tutto il Salento, Alliste e Felline compresi.

 

Sig. Renna, agli inizi  su chi ha potuto contare per costituire la Protezione Civile in Alliste?

Su un piccolo gruppo di amici. Ricordo MARROCCO Giampiero, ADAMO Francesco, RENNA Gianluca Quintino, tutti di Alliste, e Federica SCANDEREBECH di Felline.

Il 25 luglio 2006, con Atto costitutivo registrato presso l’Ufficio delle Entrate di Casarano, costituimmo l’Associazione volontari di Protezione civile denominata PROCIV ARCI Alliste/Felline, associandola alla PROCIV ARCI Nazionale di cui siamo la 233° sede in Italia.

Successivamente il Consiglio Direttivo formato dai fondatori, mi elesse Presidente pro- tempore. Fu iniziato così il primo tesseramento di coloro che desideravano fare volontariato. Successivamente l’Assemblea allargata ai nuovo iscritti mi confermò nella carica di Presidente dell’Associazione.

 

A chi avete intitolato l’Associazione?

Per volontà unanime è stata intitolata alla memoria del comandante dei Vigili urbani di Alliste e Felline, Capitano Domenico CORVAGLIA.

 

Con quali esperienze avete iniziato il lungo percorso?

All’inizio chi si avvicinava alla protezione Civile non aveva esatta consapevolezza del significato profondo di tale istituzione. A volte si guardava alla Protezione Civile come a un “tutto fare”. In realtà Protezione Civile è sinonimo di previsione, prevenzione e soccorso.

 

Ci sono mai state frizioni o contrasti con i Vigili Urbani?

Con la nascita di un soggetto “nuovo” possono sempre verificarsi delle discordanze. Però poi piano piano abbiamo fatto capire che nessuno voleva invadere il campo dell’altro, anche perché noi non siamo “istituzione”, noi siamo “volontari”, per cui non possiamo metterci alla pari delle istituzioni. Logicamente ci dovrà essere un coordinamento, perché anche noi abbiamo le nostre competenze.

 

Esiste in Alliste un Piano comunale di Protezione Civile?

Certo, il Piano è la Bibbia per ogni sindaco. Tutti i comuni devono dotarsi di un Piano di Emergenza, dove vengono identificate le zone pericolose, le zone soggette a frane, ad allagamenti, i vari opifici del paese che in caso di emergenze devono dare la loro collaborazione, così come le associazioni di volontariato.

 

Quali sono i rapporti tra Protezione Civile e Amministrazione comunale?

Il sindaco è il massimo rappresentante della Protezione Civile locale. L’amministrazione ascolta i nostri suggerimenti e le nostre esigenze e, come istituzione pubblica, cerca di venirci incontro.

 

Può fare un esempio?

Certo. Anni fa la Regione Puglia emanò una Legge che tendeva a rafforzare e potenziare le varie associazioni di Protezione Civile di tutta la Puglia. In pratica, ogni comune, sentite le proprie strutture di volontari, poteva presentare alla Regione un Progetto per il suo finanziamento. Parteciparono a quel Bando 115 Comuni della Regione. Anche noi presentammo il nostro Progetto, di concerto e tramite l’amministrazione comunale. Il Progetto fu finanziato per quasi 70mila euro con i quali il Comune acquistò le prime importanti attrezzature che ci diede poi in comodato. Come vedete i rapporti fra noi e le amministrazioni sono di stretta collaborazione e interdipendenza.

 

 

Di quali attrezzature vi siete dotati grazie a quel finanziamento?

Il finanziamento per potenziare la Protezione civile comunale è servito per:

- aggiornare il piano di emergenza del comune di Alliste;

- acquistare un pick up TATA 4x4 da adibire ad unità antincendio, con il quale, l'associazione, in convenzione con la Regione Puglia, partecipa  alla campagna AIB (antincendio Boschivo) e  rischio idrogeologico;

- acquistare una torre fari di 5,5mt. con 4 fari e un carrello appendice per il trasporto di materiali ed attrezzature da impegnare nelle emergenze; ci siamo dotati inoltre dei DIP, dispositivi individuali di protezione per gli operatori e di attrezzature utili per organizzare la sala operativa del comune (C.O.C).

Tutto questo materiale ci è stato dato in comodato d'uso.

Inoltre l'Associazione, oltre ad altro materiale ed attrezzature di sua proprietà, ha in comodato d'uso:

il modulo antincendio da 400 lt. ed una pompa idrovora per emungimento acque dalla capacità di 1.350 litri al minuto.

 

Siete muniti anche di una “Centrale Radio”?

Certo! La sede dell'associazione è anche sede del C.O.C (CENTRO OPERATIVO COMUNALE), pertanto, sempre con il menzionato finanziamento, è stata munita di una centrale radio fissa, regolarmente autorizzata alla quale è stata assegnata, senza spese per  l'amministrazione comunale, di una frequenza operativa per le attività di protezione civile da svolgere in loco ed anche con la polizia locale.

Inoltre si dispone di una centrale radio mobile montata sul pick up e di 7 radio per operatori e polizia locale, che vengono utilizzati durante i vari servizi.


 

 

Ma voi avete personale competente per l’uso di queste particolari attrezzature?

Ecco, con questa domanda lei è andato ha toccare un nervo scoperto. Nella nostra Protezione Civile occorrono professionalità, perché le nostre competenze si basano proprio sulle professionalità. Noi già ne abbiamo, per fortuna, ma manca la partecipazione dei giovani e dei cittadini in generale. Abbiamo bisogno di radioamatori, perché non si può più andare avanti col telefonino, perché nell’emergenza le prime cose che “cadono”, che si interrompono, sono proprio le telecomunicazioni! Per cui abbiamo bisogno del “via radio”. Per cui ci occorrono giovani che conoscono queste cose, queste materie. Ma i giovani non ci sono, o non ci credono.

 

Ma non potete adottare qualche iniziativa per incuriosire, interessare e tentare di avvicinare i cittadini alla vostra attività?

Certo! Proprio per evitare il disinteresse da un po’ di tempo mi sono dedicato a far crescere questo discorso. Per questo, per esempio, abbiamo istituito i “Campi scuola” durante l’estate, profittando anche della bontà d’animo del sig. Gino Cazzato che ci ha messo a disposizione i campetti attrezzati di sua proprietà, siti nella marina di Alliste.

 

In cosa consistono questi “Campi-scuola”? Si svolgono attività di formazione?

Ai ragazzi facciamo vedere come si montano le tende, il modulo antincendio…; vengono cioè effettuate tutte quelle attività di Protezione civile e di formazione, nella speranza di suscitare in loro maggiore interesse. La formazione è la base del volontariato di Protezione civile!

Poi abbiamo promosso il progetto “La Protezione Civile va a scuola”. Questo è il terzo anno in cui la Dirigente scolastica mi ha ritagliato delle ore durante le quali con gli scolari io insieme ai miei collaboratori parliamo di Protezione civile, dando delle informazioni, ovviamente, adeguate all’età dei ragazzi. Per agevolare l’apprendimento delle nozioni di base, facciamo uso anche di filmini a cartoni animati.

Inoltre ogni anno facciamo le esercitazioni di evacuazione dei plessi scolastici, con i bambini e gli stessi docenti. Ormai andiamo anche sotto i 2 minuti per lasciare le aule. Bambini e docenti sono preparati!

 

 

Avete mai affrontato sul campo qualche incendio?

Intendiamoci, noi siamo formati per affrontare l’antincendio boschivo. L’incendio in una casa è di pertinenza dei Vigili del Fuoco. Siamo intervenuti a Lido Pizzo, a Torre Mozza. Voglio infatti chiarire che essendo noi in Convenzione con la Regione Puglia sia per il rischio idrogeologico sia per il rischio antincendio boschivo, abbiamo il dovere di rispondere alle chiamate della Sala Operativa di Bari e intervenire nei luoghi dove c’è l’incendio. Così si spiega la nostra presenza a Lido Pizzo e a Torre Mozza.


 

Presidente, alla fine di questa intervista cosa si sente di dire ai cittadini di Alliste e Felline?

Ai cittadini che ci hanno donato attrezzature e materiali con i quali è stato possibile iniziare questo percorso al servizio di tutti, specialmente dei più deboli, invio, tramite “Progetto Salento”, un doveroso grazie.

Auspico e mi auguro con tutto il cuore che i miei concittadini, convinti del nostro operato, si avvicinino a noi anche per attingere quelle informazioni che potrebbero essere utili per affrontare emergenze e disagi, e per portarci le loro professionalità da mettere a disposizione di tutti. Grazie.

Grazie a Lei, presidente. 

__________________________

 

NOTA DI REDAZIONE

L’Associazione Protezione Civile Alliste-Felline è iscritta ai seguenti albi:

Registro delle associazioni della Provincia di Lecce;

Registro generale delle organizzazioni di Volontariato della RLegione Puglia;

Registro delle Associazioni di Volontariato per la Protezione civile della Regione Puglia.

E’ inoltre iscritta al COORDINAMENTO delle assoc. di volontariato per la protezione civile della prov, di Lecce, del quale il sig. TONINO RENNA è Presidente dei garanti.

L’associazione, in convenzione con il Tribunale di Lecce per il recupero dei minorenni ed adulti condannati a scontare pene a mezzo di lavori socialmente utili, ha più volte ospitato giovani con i quali è stato effettuato un percorso di recupero sociale.

Si è impegnata a monitorare il territorio per l’abbandono dei rifiuti, recupero di vetro e plastica, bonificando tratti di strada di campagna infestate dalla macchia mediterranea che riducevano la carreggiata.

_______________________________________________________

 

 


Condividi questo articolo:

Ultimo aggiornamento ( Domenica 05 Marzo 2017 22:04 )  
Banner
Banner

 

AMMINISTRATORI & CITTADINI

RICEVIAMO & PUBBLICHIAMO, ANTICIPANDONE I CONTENUTI, IL MANIFESTO FIRMA...

 

VOLONTARIATO & SOCIETA'

1982 - 2017 35 anni di attività 7000 sacche di sangue raccolte !   di Giuliano CIRIO...

 

VOLONTARIATO & SOCIETA'

35 anni a favore di chi soffre (1982 – 2017)   Articolo / Comunicato a cura de...

 

ALLISTE / BILANCIO COMUNALE

Deliberazione n. 67/PRSP/2017  REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE R...

 

EMERGENZE SOCIALI

REDDITO di DIGNITA’ da Alliste e Felline arriva il buon esempio   di Giuliano Cirio...