Progetto Salento

Imprenditori, Istituzioni, Cittadinanza attiva, Protagonisti del Salento che cambia

Saturday
Oct 19th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Politica e Attualità Economia MOZZARELLE, ATTENZIONE ALLE CONFEZIONI INGANNEVOLI - La differenza fra “latte bovino” e “latte alimentare”

MOZZARELLE, ATTENZIONE ALLE CONFEZIONI INGANNEVOLI - La differenza fra “latte bovino” e “latte alimentare”

E-mail Stampa PDF
galata1ddMolte mozzarelle vengono poste in commercio da aziende nazionali e pugliesi in confezioni ingannevoli per il consumatore, nel senso che tali confezioni portano esposti gli ingredienti, compreso il nome dell'azienda che le commercializza, mentre la presenza del Bollino CEE non specifica al consumatore la provenienza del prodotto (per es. Germania, Francia, Russia ecc.).
In realtà oltre il Bollino CEE, che è una Autorizzazione sanitaria alla commercializzazione, dovrebbe esserci specificatamente riportata la tracciabilità e la rintracciabilità del prodotto medesimo, oltre, ovviamente, agli ingredienti che lo compongono.
La dizione generica che compare su certe confezioni, come per esempio "latte vaccino", senza alcuna altra specificazione, non serve a nulla. Bisognerebbe invece informare il consumatore sulla provenienza di quel latte, se di produzione locale, salentina, o di importazione. C'è una bella differenza! O meglio ancora specificare se si tratta di "latte bovino", risultato della tradizionale mungitura, oppure "latte alimentare", di qualità inferiore, ma meno oneroso per l'azienda di trasformazione.
Quando un consumatore deve allarmarsi?
Quando per esempio si presentano i prodotti in "offerta speciale", oppure quando i prezzi sono particolarmente accattivanti e vantaggiosi per chi compra.
La mozzarella di latte bovino, per esempio, prezzo al pubblico, non potrebbe scendere al di sotto dei 6,50 euro al Kg.; sotto tale cifra consigliamo il consumatore di porsi delle domande circa la qualità del prodotto che sta comprando. Ci sono in commercio marchi di mozzarelle italiani e pugliesi, ma che utilizzano latte proveniente per esempio dalla Germania, distorcendo la qualità e la tipicità.
Le autorità di controllo (Nas, Asl, Ispettorato controllo qualità e repressione frodi agro-alimentari ecc.), dovrebbero tutelare sia i produttori che lavorano con coscienza, sia i consumatori ignari di tutto ciò che ruota intorno alla produzione lattiero-casearia.
a cura di Rocco Pronterra,
titolare "Caseificio Galata"

Condividi questo articolo:

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 22 Luglio 2010 09:38 )  
Banner
Banner

 

AMMINISTRATORI & CITTADINI

RICEVIAMO & PUBBLICHIAMO, ANTICIPANDONE I CONTENUTI, IL MANIFESTO FIRMA...

 

VOLONTARIATO & SOCIETA'

1982 - 2017 35 anni di attività 7000 sacche di sangue raccolte !   di Giuliano CIRIO...

 

VOLONTARIATO & SOCIETA'

35 anni a favore di chi soffre (1982 – 2017)   Articolo / Comunicato a cura de...

 

ALLISTE / BILANCIO COMUNALE

Deliberazione n. 67/PRSP/2017  REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE R...

 

EMERGENZE SOCIALI

REDDITO di DIGNITA’ da Alliste e Felline arriva il buon esempio   di Giuliano Cirio...