Progetto Salento

Imprenditori, Istituzioni, Cittadinanza attiva, Protagonisti del Salento che cambia

Sunday
Jun 16th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Politica e Attualità Economia FINANZIAMENTI A FONDO PERDUTO per Nuove Iniziative d'Impresa in Puglia

FINANZIAMENTI A FONDO PERDUTO per Nuove Iniziative d'Impresa in Puglia

E-mail Stampa PDF

Pensato per combattere la disoccupazione e per supportare la nascita di nuove imprese start-up, la Regione Puglia ha creato il “Fondo Nidi”, un’utile strumento di autoimpiego che favorisce la concessione di prestiti rimborsabili, finalizzati a sostenere i soggetti che scelgono la strada del lavoro autonomo e dell’imprenditoria. Il fondo è gestito da Puglia Sviluppo S.p.A. e mette a disposizione finanziamenti a fondo perduto richiedibili a partire dal 13 febbraio 2014.

Oggi più che mai con l'assenza di opportunità di lavoro fisso e la intensa difficoltà a ricevere un prestito dalle banche, la Regione Puglia con lo strumento NIDI rende disponibile un incentivo alla creazione di microimprese, tentando con ciò di dare speranza e sollievo ad alcuni soggetti che intendono porsi in gioco e tentare l'avventura del lavoro autonomo. Ecco una breve sintesi del bando:

CHI PUO' PRESENTARE LA DOMANDA

La misura è destinata a soggetti appartenenti a categorie svantaggiate, che intendano avviare, sul territorio della regione Puglia, un’iniziativa imprenditoriale nella forma della microimpresa prevedendo nuovi investimenti compresi tra 20.000 e 150.000 Euro.

Le Nuove Iniziative d’Impresa dovranno essere partecipate per almeno il 50%, sia del capitale sia del numero di soci, da soggetti svantaggiati appartenenti, alla data di presentazione della domanda preliminare, ad almeno una delle seguenti categorie:

•giovani con età tra 18 anni e 35 anni;

•donne di età superiore a 18 anni;

•soggetti che non abbiano avuto rapporti di lavoro subordinato negli ultimi 3 mesi;

Sono ammesse le persone in procinto di perdere un posto di lavoro riconducibili alle seguenti fattispecie:

•i dipendenti di imprese poste in liquidazione o soggette a procedura concorsuale;

•i dipendenti di imprese posti in mobilità;

•i dipendenti di imprese posti in Cassa Integrazione Guadagni o beneficiari di ammortizzatori sociali in deroga gestiti dalla Regione Puglia;

•i titolari di partita IVA in regime di mono-committenza non iscritti al registro delle imprese che, nei 12 mesi antecedenti la presentazione della domanda telematica preliminare, abbiano emesso fatture per un imponibile inferiore a 30.000 Euro verso non più di due differenti committenti.

POSSONO BENEFICIARE DELLE AGEVOLAZIONI

le microimprese costituite o da costituirsi nelle seguenti forme giuridiche:

•ditta individuale;

•società in nome collettivo;

•società in accomandita semplice;

•società cooperative;

•società a responsabilità limitata (ordinaria, semplificata, unipersonale);

•associazione tra professionisti. Per accedere agli incentivi, almeno la metà dei componenti della nuova impresa dovranno essere iscritti agli ordini professionali e/o lavoratori precari con partita Iva con meno di 30 mila euro di fatturato e massimo 2 clienti.

I SETTORI DI ATTIVITA' AMMESSI AL FINANZIAMENTO

Le imprese possono presentare domanda di accesso alle agevolazioni per i seguenti settori:

•attività manifatturiere;

•costruzioni ed edilizia;

•riparazione di autoveicoli e motocicli;

•attività di affittacamere e bed & breakfast imprenditoriale;

•ristorazione con cucina (sono escluse le attività di ristorazione senza cucina quali bar, pub, birrerie, pasticcerie, gelaterie, caffetterie, ristorazione mobile, ecc.);

•servizi di informazione e comunicazione;

•attività professionali, scientifiche e tecniche;

•agenzie di viaggio;

•servizi di supporto alle imprese;

•istruzione;

•sanità;

•assistenza sociale non residenziale;

•attività artistiche, sportive, di intrattenimento e divertimento (sono escluse le attività delle lotterie, scommesse e case da gioco);

•attività di servizi per la persona;

Aspetto positivo del bando è quello secondo cui, al fine di agevolare il ricambio generazionale, potranno presentare domanda di agevolazione anche parenti o affini – entro il 2° grado in linea discendente – di un imprenditore che abbiano intenzione di rilevare l’azienda pre-esistente. Sono ammissibili alle agevolazioni esclusivamente nuovi investimenti in uno dei settori ammissibili.

 

INTENSITA' D'AIUTO ED EROGAZIONE DEL FINANZIAMENTO

Per programmi di investimento di importo complessivo fino a € 50.000,00, l’intensità di aiuto è pari al 100% degli investimenti ammissibili.

Per programmi di investimento di importo complessivo compreso tra € 50.000,01 e 100.000,00 l’intensità di aiuto è pari al 90% degli investimenti ammissibili.

Per programmi di investimento di importo complessivo compreso tra € 100.000,01 e 150.000,00 l’intensità di aiuto è pari all’80% degli investimenti ammissibili.

Le agevolazioni in conto impianti (fondo perduto) sugli investimenti non possono superare l’importo massimo di €120.000,00 e sono costituite da:

•un contributo a fondo perduto pari al 50% degli totale degli investimenti agevolati;

•un prestito rimborsabile pari al 50% degli totale degli investimenti agevolati.

E’ concedibile un ulteriore contributo in conto esercizio a fondo perduto, non superiore ad € 5.000,00, in misura pari al 100% delle spese di gestione ammissibili sostenute entro sei mesi dalla prima erogazione.

Come accedere al finanziamento

Le richieste di prestito possono essere inoltrate attraverso il sito ufficiale del Fondo Nidi, le cui risorse saranno stanziate “a sportello” fino al completo esaurimento delle stesse.

 

Dr.ssa Stefania PINO

Consulente aziendale, fiscale e

di Finanza agevolata.

e-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

articolo tratto da Progetto Salento n.33


 

Condividi questo articolo:

Ultimo aggiornamento ( Domenica 06 Marzo 2016 19:49 )  
Banner
Banner

 

AMMINISTRATORI & CITTADINI

RICEVIAMO & PUBBLICHIAMO, ANTICIPANDONE I CONTENUTI, IL MANIFESTO FIRMA...

 

VOLONTARIATO & SOCIETA'

1982 - 2017 35 anni di attività 7000 sacche di sangue raccolte !   di Giuliano CIRIO...

 

VOLONTARIATO & SOCIETA'

35 anni a favore di chi soffre (1982 – 2017)   Articolo / Comunicato a cura de...

 

ALLISTE / BILANCIO COMUNALE

Deliberazione n. 67/PRSP/2017  REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE R...

 

EMERGENZE SOCIALI

REDDITO di DIGNITA’ da Alliste e Felline arriva il buon esempio   di Giuliano Cirio...